Dove si trovano i villaggi Walser in Italia? Numerosi sono i comuni in cui è ancora possibile scoprire i villaggi d’origine Walser e fare un’immersione alla scoperta di una natura sorprendente, una cultura antica e un tempo lento.

LE VALLI
I Walser, la popolazione di origine germanica, si stabilì in un’ampia zona alle pendici del Monte Rosa, trasformando le aspre e inospitali regioni di alta montagna in luoghi abitabili e coltivabili.

Sono quattro le vallate principali in cui si insediarono: la Val d’Ossola e la Valsesia in Piemonte, la Valle di Gressoney e la Val d’Ayas in Valle d’Aosta.

DOVE SI TROVANO I VILLAGGI WALSER
La comunità Walser in Piemonte è situata nelle province di Vercelli e del Verbano-Cusio-Ossola: Alagna Valsesia, Carcoforo, Rima San Giuseppe, Rimella, Rimasco, Riva Valdobbia, Baceno, Formazza, Macugnaga, Ornavasso, Premia, Valstrona sono i principali comuni.
Della comunità Walser in Valle d’Aosta fanno parte i comuni di Issime, Gaby, Gressoney-Saint-Jean e Gressoney-La-Trinité.

Buona parte di questi comuni sono colonie Walser dove si parla ancora la lingua Walser. A questi si aggiungono le colonie Walser linguisticamente estinte: Saint-Jacques-des-Allemands (chiamato localmente anche Canton des Allemands), Fussé, Gettaz-des-Allemands, il vallone di Niel nel comune di Gaby, Salecchio, Agaro, Ausone, Campello Monti.

VAL D’OSSOLA. L’estremo nord del Piemonte
La Val d’Ossola, incuneata nel territorio svizzero, tra il Vallese e il Ticino, rappresenta l’estremo nord del Piemonte, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola. È percorsa dal fiume Toce ed è costituita da numerose valli laterali, tra cui la Valle Anzasca, la Val Formazza, la Val Antigorio e la Valle Strona.

I Walser si insediarono in Valle Anzasca arrivando da Saas-Fee, attraverso il Passo del Monte Moro, a Macugnaga, dove domina l’imponente parete est del Monte Rosa.
Nell’alta Valle del Toce i Walser giunsero dal passo del Gries, dando vita prima alle numerose frazioni della Val Formazza e poi a quelle della Val Antigorio, tra cui Salecchio, nel Comune di Premia, e il villaggio, oggi scomparso, di Agaro, sempre nel territorio del Comune di Premia.

Discendendo verso la bassa valle, quasi sulle sponde del Lago Maggiore, fondarono la cittadina di Ornavasso. La colonizzazione di Campello Monti, in Valle Strona, fu invece opera dei Walser provenienti dalla vicina Rimella, in Valsesia.

Gli antichi insediamenti Walser sono ancora visibili oggi ad Ornavasso e nella frazione di Migiandone a Macugnaga, così come a Salecchio nella Valle Antigorio e in Valle Formazza. Macugnaga e Formazza conservano intatti gli impianti architettonici, i costumi tipici, le tradizioni gastronomiche e persino la lingua titsch, di origine alemanna.

VALSESIA. La valle più verde d’Italia
La Valsesia si sviluppa da ovest a est, tra la Valle d’Aosta, la Val d’Ossola e le Prealpi Biellesi. È dominata dall’ampio versante sud del Monte Rosa e percorsa dal selvaggio fiume Sesia.

Qui i Walser arrivarono da due lati opposti: da Macugnaga attraverso il passo del Turlo, creando i primi insediamenti nelle località che oggi conosciamo come frazioni di Alagna, e dalla Valle del Lys tramite il colle Valdobbia, insediandosi nel Vallone di Otro e colonizzando la Valle Vogna.

Rimella, fondata nel 1255-1256, è la più antica e documentata colonia Walser della Valsesia, seguita da Alagna. Nella seconda metà del XIV secolo, famiglie provenienti da Alagna si stabilirono nelle valli di Rima e Carcoforo. Nuclei provenienti da Rimella colonizzarono la parte centrale della Val d’Egua, oggi compresa nel comune di Rimasco.

VALLE DI GRESSONEY. La valle del Lys
Detta anche Valle del Lys dal nome del torrente che nasce dal grande e omonimo ghiacciaio sito sul massiccio del Monte Rosa. Si sviluppa nel territorio valdostano da nord a sud, tra la Val d’Ayas e la Valsesia, in Piemonte.

Le principali testimonianze Walser si trovano nel territorio dei comuni di Gressoney-Saint-Jean e di Gressoney-La-Trinité, nel Vallone di Niel (Gaby) e nel Vallone di San Grato (Issime). Gressoney-Saint-Jean è il maggiore polo culturale Walser della Valle d’Aosta. Nei borghi fiabeschi della Val d’Ayas si incontreranno antichissimi stadel, le tipiche case Walser col pianterreno in pietra e i piani superiori in legno di larice.

VAL D’AYAS. L’estremo ovest del territorio valdostano
La Val d’Ayas, dall’omonimo torrente che nasce dai ghiacciai del Monte Rosa, rappresenta l’estremo più a ovest del territorio valdostano interessato dall’insediamento dei Walser, giunti da Zermatt attraverso il Colle del Teodulo e il Colle Superiore delle Cime bianche.

È una valle che si sviluppa da nord a sud e qui i Walser colonizzarono i bucolici alpeggi nei dintorni del villaggio di Champoluc, per poi proseguire attraverso il colle Bettaforca nella Valle di Gressoney.

Ancora oggi, in alcune comunità, i segni della colonizzazione Walser sono perfettamente leggibili. I Walser erano consapevoli che la vita dipende dalla protezione dell’ambiente ed è proprio grazie a loro se abbiamo ereditato intatti territori e villaggi unici nel loro genere.

Dove si trovano i villaggi Walser

Dove si trovano i villaggi Walser
0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI SIMILI